“Eh, ma lui è grosso, regge meglio l’alcol!”

Chi, a cena tra amici, non ha mai sentito/detto questa frase? Eppure rimarrai sopreso quando scoprirari quanti e quali fattori influenzano il tasso alcolemico di una persona!

Partiamo dalla teoria.

Il tasso alcolemico è la misura della concentrazione di alcol nel sangue. Il processo di come la misura avviene è articolato e coinvolge diversi organi del corpo. In particolare lo abbiamo raccontato qui Come funziona un etilometro?

Vi sono di conseguenza molti fattori che influenzano il tasso alcolico e spieghiamo quindi perché è importante misurarlo e non stimarlo tramite tabelle, grafici o formule. Puoi approfondire quest aspetto nel nostro articolo su quanto bisogna bere per superare il limite del tasso alcolemico.

Tornando a noi, ecco i principali fattori che influenzano il tasso alcolemico sono:

    • Età: con l’aumentare dell’età tipicamente le velocità di assorbimento e smaltimento dell’alcol aumentano
    • Sesso: gli individui di sesso femminile a parità di alcol ingerito accusano un tasso alcolemico più alto. I motivi sono da imputare alla minor percentuale di acqua contenuta nel corpo e anche alla minor concentrazione di enzimi che si trovano nello stomaco che processano l’etanolo. Non solo il tasso alcolico ma anche le velocità di assorbimento e smaltimento dell’alcol aumentano considerevolmente.
    • Altezza: l’altezza contribuisce all’indice di massa grassa. Vedi sotto.
    • Peso: il peso contribuisce all’indice di massa grassa. Vedi sotto.
    • Indice di massa grassa: rappresenta la somma di tutti i lipidi del corpo umano e si esprime in percentuale rispetto alla massa dell’individuo. I grassi contengono meno liquidi ed acqua, mentre i muscoli ne sono ricchi. Un individuo con un alto indice di massa grassa è soggetto ad un tasso alcolico superiore.
    • Stato psicofisico: l’argomento è molto complesso e articolato ma rimane comunque fondamentale sapere che lo stress ha un ruolo importante nella stima del tasso alcolemico.
    • Modi di bere: a parità di quantitativo di alcol consumato la velocità con cui si beve influisce moltissimo sul tasso alcolemico risultante. Bere lo stesso quantitativo a piccole dosi permette alle dosi ingerite di iniziare ad essere processate e smaltite.
    • Velocità del metabolismo: la velocità del metabolismo incide in modo molto importante sul tasso alcolemico nonché i tempi di assorbimento e smaltimento dello stesso. La velocità del metabolismo a sua volta dipende da moltissimi fattori per esempio il tipo di alimentazione, la genetica e il tipo/abitudine/intensità di moto o sport che pratica un individuo.
    • Uso di medicinali: moltissimi medicinali non vanno assolutamente mescolati agli alcolici perché possono creare anche gravi controindicazioni. Una delle meno importanti è quella di far fluttuare il valore del tasso alcolico.
    • Tipo e quantità di cibo: alcune tipologie di cibo influenzano il tasso alcolico. Bere a stomaco vuoto in particolare accelera moltissimo la velocità cui l’alcol viene assorbito nel sangue.

Tutti ed altri fattori influenzano in modo importante il tasso alcolico.

Per evitare di incorrere in gravi errori di valutazione è quindi necessario non affidarsi a tabelle o calcolatori in quanto non possono tenere in considerazione tutti i precedenti elementi.

Misurare il tasso alcolemico con un misuratore affidabile, come abbiamo approfondito qui Perché scegliere un etilometro con sensore Fuel Cell?, è quindi l’unico modo per misurare il proprio tasso alcolemico perché l’aria espirata porta con sé tutte le informazioni necessarie. Questo argomento lo abbiamo raccontato anche qui Come funziona un etilometro?.

Le soluzioni FLOOME sono le uniche nel mercato che adottano etilometri con tecnologia affidabile e che contemporaneamente permettono ai propri utenti di inserire tutte le proprie caratteristiche fisiche che permettono anche di stimare il tempo necessario per smaltire il tasso alcolemico rilevato.